Uova indiavolate

Buon inizio di settimana a tutti! Oggi ti propongo per halloween un antipasto veloce e che farà venire un bel sorriso a tutti!
Ho scoperto che quest'anno non sono per i piatti mostruosi, quelli veramente mostruosi che fanno un po' impressione. Sono più per un halloween giocoso!
E queste uova sono l'antipasto perfetto se si tratta di tirare fuori un sorriso, dai, a guardarle sono davvero buffe!
Certo, a renderle più mostruose basterebbe poco, magari un pezzetto di erba cipollina per fare delle sopracciglia arrabbiate e il peperone rosso tagliato a listarelle per una bocca anch'essa arrabbiata.
Ma no, quest'anno si fa la linguaccia! E' più divertente!
E poi la sorpresa di portare in tavola le uova indiavolate simpatiche a una bambina di due anni e mezzo è impagabile! Mentre le prendeva mi chiedeva "mamma, perchè fanno la linguaccia a me?"!
E' stato tutto un farsi la linguaccia, avevo le lacrime agli occhi!
Per quanto riguarda il sapore, le uova sode con il tuorlo mescolato alla maionese sono un classico che tutti conoscono. L'aggiunta di peperoni rende il boccone più fresco ma lo ammetto, a Cecilia ho levato i grani di pepe!

Leggi tutto...

Data

lunedì 20 ottobre 2014

Le 7 marmellate di Enrico VIII - Ciliegie

E con questa ricetta chiudo la settimana e dichiaro anche finite le mie scorte di frutta estiva!
Certo, congelare tutta questa frutta mi è davvero servito, però sono tre settimane che faccio marmellate e sinceramente... non ne posso più!
Le ho regalate a tutti, le ho spedite giù a Roma (ancora spero arrivino intere...!) e ne ho tenuti un paio di barattoli di ogni tipo per noi.
Anche perchè non è che ci nuotiamo nella marmellata. Anzi, a dirla tutta la mangiano solo mio marito e mia figlia. 
Ma io questa l'ho assaggiata memore di una merenda da piccola dove qualcuno mi aveva dato un pane e marmellata che io avevo dichiarato buono. I miei ricordi dicevano fosse quella di ciliegie e c'era tanta aspettativa mentre preparavo questa ma... no, decisamente i miei ricordi hanno sbagliato qualcosa!! 
Ma alla fine questa, come tutte le altre, sarà giudicata da mia madre. Giudice imparziale: troppo liquida, troppo densa, troppo zucchero... trova sempre il difetto. E io segno! 
Vedremo di questa cosa dirà quando le arriva, io dal canto mio posso proteggermi solo dietro a Nonna Papera!

Leggi tutto...

Data

venerdì 17 ottobre 2014

Split tin - pane inglese

Ecco la ricetta e la storia di un pane inglese davvero spettacolare!
L'ho assaggiato la prima volta che avevo 12 anni, a Londra con i miei genitori, e niente aveva a che vedere con i nostri pan bauletto. Il sapore mi è rimasto così impresso che quando ci sono tornata, a 30 anni e con la mia famiglia, l'avevo mitizzato! Ma sono riuscita a convincere mio cugino (abita a Londra da anni ed eravamo suoi ospiti) ad entrare in una panetteria per cercarlo! 
Ed eccolo lì, il nome non me lo ricordavo di certo ma come l'ho visto l'ho riconosciuto! E la signora inglese, di solito di poche parole stando alla descrizione di mio cugino, mi ha spiegato che in quella panetteria ne fanno diverse versioni e... mi ha dato da assaggiare diversi tipi! Ero al settimo cielo!
Poi quando le ho raccontato di come il sapore mi fosse rimasto impresso anni fa bhè, che ci crediate o no, mi ha dato la ricetta!! Scritta sul mio iphone la conservo ancora fra le note! E mi voleva anche spiegare cosa fosse il lievito madre! Inutile dire che le ho detto che lo avevo anche io e... le si sono illuminati gli occhi!
Lo ammetto, sono andata a trovarla tutti i giorni per prendere un pezzetto di pane e l'ultimo giorno ha regalato dei biscotti a Cecilia! Ancora oggi quando mio cugino entra in panetteria (molto di rado) chiede se torno! 
E questa ricetta, fatta e rifatta più volte, stranamente non l'ho mai messa sul blog. Forse perchè non è mia ma ora è arrivato il momento di condividerla! (e magari di far vedere le foto anche alla signora!!).

La versione qui riportata non è la classica, semplice, ma quella arricchita da semi in superficie. Perfetta per la colazione, come mi disse!

Leggi tutto...

Data

mercoledì 15 ottobre 2014

Polpettone mummificato

Eh si, lo ammetto, mi sto davvero divertendo con queste preparazioni!
E a guardare questa foto lo capisci anche tu! Mi sembra di giocare e la cosa più bella è che non c'è limite alla fantasia!
A dirla tutta volevo fare la "mummia" su un letto di fiori di carote ma... hai mai provato a fare i fiori di carote? Io non ci sono riuscita!! Ci sarà un trucco o qualche santo armato di pazienza perchè dopo aver buttato due carote ho rinunciato! Certo, sarebbe stato più scenografico ma ho capito che non fa per me!
Però il risultato è carino lo stesso, la mummia fa la sua scena anche su un letto di carote normali. E ovviamente anche con le patate sarebbe stata benissimo!
La parte più bella è il ricoprire il composto con le strisce di pasta sfoglia, ci vuole un po' di pazienza e l'accortezza di ricordarsi qualche film horror per dare un senso al verso delle bende, ma alla fine anche la casualità aiuta, e un po' di fortuna nello sperare che non esca il ripieno da qualche buco lasciato per caso.
L'effetto appena portato in tavola è strepitoso! Poca fatica per una massima resa scenografica! 
E il sapore è "collaudato" d'altronde i polpettoni in crosta riescono sempre, i pezzi di olive poi danno un piacevole contrasto con la morbidezza della carne. 
Per quanto riguarda le spezie puoi sbizzarrirti, io ho messo timo e rosmarino, un classico abbinamento, ma anche un mix di provenzali ci starebbe benissimo!

Leggi tutto...

Data

lunedì 13 ottobre 2014

Le 7 marmellate di Enrico VIII - Fragole

Ecco svelato un altro frutto che è uscito da poco dal congelatore! Lo ammetto, volevo fare questa marmellata da tantissimo tempo ma non ne avevo mai la voglia quindi mi ero congelata 1 kg di fragole "nel caso mi venisse la voglia".
E la voglia mi è venuta eccome!
Già mi pregusto domani mattina (che sarebbe la mattina di uscita del post) una ricca colazione con pane tostato e marmellata! Perchè questa si, è una delle poche che mi piace davvero!
In verità avevo in mente una marmellata di fragole e menta, dato che è un abbinamento che semplicemente adoro, ma la mia piantina (piantona in realtà!) di menta si è ammalata e non posso usare le sue foglioline perchè... le ha perse tutte!
Certo, il vivaio vicino casa mi ha semplicemente consigliato di levare quella e metterne un'altra ma dopo un anno di sacrifici per farla diventare un bel cespuglio rigoglioso proprio non mi va da levarla senza nemmeno provare a curarla!
Quindi mi sono armata di santa pazienza e ho iniziato le cure. La marmellata fragole-menta aspetterà l'anno prossimo, quando la pianta sarà bella e rigogliosa come mai!
Per consolarmi ho fatto "una delle 7" di Nonna Papera. Mi avevano incuriosito e penso che anche la prossima confettura sarà con un frutto (scongelato) diverso per provarne un'altra ancora! 
Appena finisce questa mi metterò all'opera!

Leggi tutto...

Data

venerdì 10 ottobre 2014

Risotto con peperoni e bacche di goji

Ogg un altro primo, un altro risotto colorato che potete anche usare per halloween volendo, per una cena un po' più raffinata e meno mostruosa.
I colori ci sono tutti, il nome del vino è assolutamente adatto e c'è solo una pecca anche se proprio una pecca non è... questo risotto è dolcissimo! Altro che halloween, sarebbe perfetto per San Valentino!
I peperoni con le bacche di goji è la prima volta che li metto insieme, alla delicatezza delle bacche si aggiunge la dolcezza degli ultimi peperoni che con il loro gusto leggermente piccante ben si sposano con un riso per un primo piatto che sono certa vi rimarrà impresso per il suo sapore morbido.
Il vino è stata un'ottima scelta, non solo per il nome "sangue di giuda", ma il suo sapore corposo e leggermente dolce ha accompagnato questo riso fino all'ultimo boccone! Sangue non solo nel nome ma anche nell'aspetto dato il colore di rubino brillante.
Che aggiungere... se avete in mente di fare una serata in tema vampiri, avete il piatto e il vino giusto in questo post!

Leggi tutto...

Data

mercoledì 8 ottobre 2014

Etichette

,

Pasta al pesto nel... mostro!

Inizio la settimana con un piatto che vi farà sorridere!
Già vi avevo anticipato che questo halloween non ci sarà nessuna festa ma solo una cena, e sto sperimentando diversi piatti per portare in tavola una cena... mostruosa!
Questo primo è davvero semplice e di grande effetto, ma soprattutto buono!
Allora, per prima cosa approfittando delle ultime foglie di basilico che si trovano ancora in giro fresche, vi consiglio di preparare un bel pesto dato che il verde in un mostro non manca mai!
Qui sotto trovate il mio, abbastanza classico ma con un po' meno aglio per Cecilia (si lo so, sarebbe contro i vampiri ma va bene lo stesso, no?).
Non ho scritto tutta la ricetta ma riporto direttamente qui come preparare il piatto.
Poi cercate una pasta il più "mostruosa" possibile, io ho optato per il formato "gramigna" ma in alternativa usate gli spaghetti, magari facendone anche uscire un po' dalla bocca del mostro.
Allora, una volta cotta la pasta l'unica cosa che dovete fare è tagliare il peperone, privarlo dei semi, intagliare occhi, naso e bocca e... riempirlo!
Il mio non ne voleva sapere di stare in piedi e l'ho messo direttamente nel mortaio, d'altronde era stato usato per la stessa ricetta (e poi è nero, che fa molto halloween!).
L'ho portato in tavola con Cecilia che è letteralmente impazzita solo a guardarlo mentre mio marito è ormai rassegnato a quello che gli presento in questo periodo!
Ma se avete bambini vi dirò che l'effetto che fa questo peperone è da filmare!

Leggi tutto...

Data

lunedì 6 ottobre 2014

Etichette

,

,

Le 7 marmellate di Enrico VIII - Pesche

Oggi è il compleanno della mia cuginetta. Che tanto più piccola non è ma che è sempre stata la "piccola di casa" quindi mi sono abituata a vederla così e probabilmente la vedrò "piccola" anche da vecchietta!
Tanto la considero "piccola" che se sto insieme a lei e mia figlia inevitabilmente chiamo l'una con il nome dell'altra! E questo succede anche se sto al telefono con mia zia (la madre!). Che cosa buffa!
Ma per festeggiare questa piccola grande donna ho pensato bene di preparare un piatto dal manuale. E non un piatto qualunque ovviamente!
Dovete sapere che fino a qualche anno fa mia cugina faceva ancora colazione a latte e nesquik. Più pan di stelle ovviamente. Ora va bene tutto, anche la colazione abitudinaria, ma aveva compiuto 20 anni ed era arrivato il momento di assaggiare sapori nuovi a colazione! Quindi le portai una marmellata dolce dolce, di pesche, e un panbauletto appena comprato dal fornaio (eh si, non l'avevo fatto io ma all'epoca nemmeno sapevo accendere il forno!).
Che dire, con il pane tostato e quella marmellata sono riuscita, almeno per un giorno a farle fare una colazione diversa!
Proprio per questo questa estate mi sono conservata delle pesche succosissime, insieme ad altra frutta che non vi sto ora a svelare, proprio per regalargliele per il suo compleanno.
Non le pesche, ovviamente la marmellata!
E dove trovare la ricetta se non nel manuale sul quale tanto fantasticavamo da bambine? 

Leggi tutto...

Data

venerdì 3 ottobre 2014

Sunday roast & Yorkshire pudding

Torniamo alla nostra via dei sapori con un piatto tradizionale che in Inghilterra viene servito nelle famiglie la domenica (di solito!)
Il Sunday roast cioè letteralmente l'arrosto della domenica è un piatto composto da carne e patate arrosto accompagnate da verdure e da salse.
Il piatto è molto diffuso in tutto il Regno Unito ed è conosciuto con svariati nomi, a seconda delle regioni, tra cui Sunday dinner, Sunday lunch, Sunday Tea, Roast dinner e Sunday joint. 
Ma la nascita del piatto è stata nella regione dello Yorkshire durante gli anni della Rivoluzione industriale, quando la carne si mangiava la domenica, giorno di festa.
Proprio per rendere omaggio a questa regione ho voluto seguire la loro ricetta tradizionale, che prevede carne di manzo servita con Yorkshire pudding, una sorta di pastella cotta al forno.
Lo Yorkshire pudding originariamente era messo in una teglia posta sotto il girarrosto su cui rosolava il roast beef, in questo modo i sughi di cottura della carne cadendo nei pudding li facevano diventare ancora più saporiti. 
La pecca è che devono essere serviti subito perché tendono a sgonfiare.
Ma veniamo al sapore di questo arrosto della domenica!
La carne è ovviamente molto saporita, un arrosto ben rosolato e tenero dentro con un leggero sentore di senape sulla crosta esterna. Le patate sono le solite, ma rosolate nei succhi dell'arrosto prendono anch'esse quel sapore di senape. Leggero ma persistente al palato.
I pudding invece sono sofficissimi! Ben si accompagnano con questo piatto e sono utili quanto il pane, specie per fare la scarpetta!

Leggi tutto...

Data

mercoledì 1 ottobre 2014

Risotto alla zucca e rosmarino

In vista di una delle festività che amo di più, halloween, ho deciso che per il mese di ottobre i miei lunedì delle rubriche saranno dedicati a questa festa, a cosa portare in tavola di sfizioso e di "mostruoso"!
Se ben vi ricordate l'anno scorso ho fatto una vera e propria festa, addobbando tavola e casa, se volete dare una sbirciata, trovate il post qui. 
Quest'anno la situazione è un po' diversa perchè ho i miei genitori a casa dato che mio marito parte una settimana per lavoro. Quindi ho già deciso che farò una cena di halloween. Più per il gusto di mascherare Cecilia che per altro.
Povera cucciola, due anni e mezzo di vita e già è stata vestita per tutti i suoi halloween!! Per il primo anno mi sono troppo divertita a vestirla da "zucca". Aveva una gonnellina a palloncino arancione e il body in coordinato con un bel disegno di zucca, ma il tocco di classe è stato il cappello a forma di zucca che le ho fatto ai ferri! Vi dico solo che mi fermavano per strada!!
L'anno scorso invece per la festa l'ho vestita da studentessa di Hogwarts, con tanto di cravatta e stemmino (grifondoro ovviamente!). Ha riscosso anche lì un grande successo anche se qualche nostro amico più grande non ha capito il costume.
Per quest'anno brancolo un po' nel buio, ma sono certa che cercando bene nell'armadio qualcosa uscirà fuori! 
Ma ora basta parlare di costumi, manca ancora più di un mese ad halloween ma inizio da questo lunedì con questo risotto.
Un classico, il risotto alla zucca, arricchito dal gusto pungente del rosmarino e mantecato con tanto, tantissimo parmigiano. Le scaglie di parmigiano sopra mettetele poco prima di servire, il calore tenderà a farle sciogliere!

Leggi tutto...

Data

lunedì 29 settembre 2014

Etichette

,

,